Psicoterapia di gruppo

La Psicoterapia di Gruppo è uno spazio protetto in cui poter affrontare le proprie problematiche e conoscere il proprio mondo interno, attraverso lavori psicoterapeutici individuali, beneficiando della presenza di altre persone.

Sebbene per alcuni possa risultare difficile parlare di sé davanti a sconosciuti, in realtà si può scoprire di non essere soli nelle proprie difficoltà. Una delle grandi potenzialità dell’essere all’interno di un gruppo diventa proprio quella di sentirsi supportato umanamente ed empaticamente. Inoltre, è proprio l’assenza di legami personali e/o professionali che permette ad ognuno la massima libertà di espressione.

In questo contesto ogni partecipante viene quindi invitato ad esprimersi liberamente e a non giudicare l’espressione degli altri, nel rispetto delle differenze individuali.

Nella Psicoterapia della Gestalt viene evidenziata la differenza tra ESPRESSIONE e AGITO.
Esprimersi significa rimanere nel proprio spazio, parlando di sé e condividendo con gli altri i propri pensieri e le proprie emozioni.
Agire significa invadere lo spazio degli altri, sia fisicamente ma anche verbalmente, parlando degli altri e attribuendo agli altri la responsabilità del proprio vissuto.

Per questo motivo, ognuno viene invitato ad astenersi dal commentare o rispondere ai lavori o agli interventi altrui. La modalità incoraggiata di rivolgersi agli altri è quella della formulazione di un FEEDBACK.
Il feedback riguarda l’effetto emotivo che la persona prova mentre l’altro parla, oppure il vissuto personale che è riemerso nel sentire l’altra persona parlare. O ancora, si può utilizzare una metafora per restituire all’altro il nostro effetto personale sotto forma di immagine. Il feedback NON è quello che io penso dell’altra persona, poiché questo è un giudizio.

Ogni volta che qualcuno parla di sé, di quello che vive e delle proprie difficoltà, è un dono che fa a sé e agli altri ed è un momento molto delicato che va protetto.

Nella nostra vita quotidiana non ci capita spesso di poter aprire il nostro cuore a qualcuno e ricevere lo stesso dono dagli altri. Poter praticare questo tipo di scambio è ciò che nutre davvero l’essere umano ed è un’esperienza unica.

La presenza di altre persone, infine, permette di arricchire la propria esperienza con i punti di vista e gli spunti che gli altri possono fornirci. Tutti, infatti, su richiesta possono essere chiamati a partecipare ai lavori altrui, rappresentando qualcuno o qualcosa utile per la persona che sta lavorando.

Questa modalità, di cui il setting individuale è per forza carente, è un modo di lavorare molto caro all’approccio della Psicoterapia della Gestalt, poiché permette di allargare il campo dell’azione psicoterapeutica, amplificandone il potenziale.

Tutti i lavori in Psicoterapia della Gestalt hanno l’obiettivo di aiutare la persona a risolvere i propri conflitti interni, facendo comunicare tra loro le varie parti, in modo che la persona possa percepirsi più “integra”. Per fare questo ci sono diversi modi e chiavi di accesso, più o meno dirette, anche a seconda di quello che risulta essere più consono per ognuno.

ESPLORARE I SOGNI

Un tipo di lavoro per me molto affascinante è quello sui sogni. In Gestalt i sogni non vengono interpretati, come nell’approccio psicoanalitico, ma fungono da porta di accesso diretto per il mondo interno della persona.

Uno degli obiettivi principali della Psicoterapia della Gestalt è quello di aiutare le persone a potenziare la propria parte creativa e analogica, poiché è quella più in contatto con emozioni e sentimenti. Il sogno, in quest’ottica, è la modalità analogica per eccellenza, poiché è una gigantesca metafora di ciò che viviamo dentro di noi, anche quando non ne siamo consapevoli.

In Gestalt non si parla di inconscio, nella convinzione che nulla sia realmente inaccessibile alla consapevolezza. Il nostro mondo interno allora può essere visto come il palcoscenico di un teatro, uno sfondo su cui si manifesta ciò che chiede di essere ascoltato. Quello che bussa alla porta della nostra consapevolezza è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno di prenderci cura.

Nella Psicoterapia della Gestalt, quindi, ogni parte del sogno (anche i dettagli più apparentemente insignificanti) vengono viste come rappresentazioni delle proprie parti interne. Il lavoro terapeutico è quello di accogliere tutte queste parti e dare loro voce, facendole finalmente esprimere.

ESPRIMERSI CON L’ARTE

Un’altra modalità per accedere più facilmente al mondo analogico ed entrare più velocemente in contatto con il proprio mondo emotivo è l’arte. Dipingere, disegnare, usare l’argilla… sono alcuni dei modi per esprimersi attraverso un’attività artistica che ci aiuta ad uscire dal loop dei nostri pensieri.

In una terapia di gruppo, un’attività artistica può essere utilizzata come base da cui partire per svolgere lavori personali. Partendo dalla descrizione della nostra opera e dall’effetto che ci fa, possiamo arrivare a lavorare su qualsiasi tematica importante della nostra vita.

RAPPRESENTARE ATTRAVERSO IL TEATRO

Una delle modalità più utilizzate nel lavoro con il gruppo in Gestalt è la rappresentazione teatrale, in cui ognuno può letteralmente mettere in scena il problema che sta vivendo o il sogno che sta esplorando e gli altri diventano attori al servizio della persona che sta lavorando.

In questo modo, il protagonista del lavoro può vedere la propria situazione attraverso lo sguardo degli altri e può beneficiare delle idee altrui per modificare i propri comportamenti. Ad esempio, trovando modalità alternative di parlare ad un membro della propria famiglia, o decidendo di agire diversamente in ambito lavorativo, ecc…

In questi lavori, anche gli attori partecipanti possono trovare un beneficio personale al loro contributo. Infatti, partecipare ai lavori degli altri è certamente un modo per aiutare la persona che sta lavorando, ma è anche un’opportunità per scoprire parti di sé sconosciute. Addirittura, c’è chi ne trae beneficio quasi come se fosse stato un proprio lavoro, tanto che la situazione affrontata risulta essere simile alla propria.

Quando ci fidiamo di quello che il nostro corpo chiede, nei movimenti che ci vengono da svolgere, nelle parole che ci vengono da dire… possiamo conoscere qualcosa che fino a poco prima non avremmo mai immaginato.

ORE DI PSICOTERAPIA DI GRUPPO RICONOSCIUTE 

Sei un/a professionista della relazione di aiuto (psicologo, psicoterapeuta in formazione, counselor, coach…) e hai bisogno di svolgere delle ore di psicoterapia riconosciute? Sei il benvenuto, la benvenuta!
Ti verrà fornita una certificazione delle ore di psicoterapia svolta valida per l’aggiornamento professionale.

Conduce il gruppo:
MARIANNA TURRICIANO, Psicologa e Psicoterapeuta Gestaltista

Luogo:
Studio di Psicoterapia di Marianna Turriciano, in Via Bazzanese 74/2 a Casalecchio di Reno (BO).

Informazioni e costi:
Gli incontri si terranno a cadenza mensile di lunedì o di mercoledì in date da definire. 
Per conoscere il costo e avere maggiori informazioni, contattami al 348.0388484

Non mi conosci ma sai già come funziona un gruppo di psicoterapia e vuoi partecipare al gruppo?
Oppure hai voglia di vedere se può essere una modalità che ti può piacere o essere utile?
Contattami!
Ti inviterò a fare un primo colloquio individuale per incontrarci e parlarne di persona.

Per visualizzare la locandina dell’evento, clicca qui.

studio psicoterapia di gruppo Casalecchio di Reno

Fonte immagini: pixabay – immagini libere da copyright 

Marianna Turriciano