prendersi in carico orme spiaggia

Prendersi in carico per iniziare a prendersi cura di sé

A volte mi capita che qualcuno che vuole iniziare un percorso di psicoterapia mi chieda se sono disposta a “prenderlo in carico”.
La mia risposta a questa domanda è no. Non sono io a prendere in carico qualcuno.
E’ la persona che iniziando un percorso decide di prendersi in carico, nel senso di iniziare a prendersi cura di sé. Io accompagno le persone in questo percorso, che è un cammino verso la responsabilità, e quindi, la libertà.

Prendersi in carico non è un concetto che la psicoterapia classica è abituata a sponsorizzare.

Perché? Perché molte psicoterapie non hanno come obiettivo che la persona diventi responsabile e quindi libera.
Acquisire conoscenze, cambiare comportamenti, comprendere le cause profonde dei propri drammi interiori sono alcuni tra gli obiettivi degli approcci più conosciuti della psicoterapia.
In questi casi si, lo psicoterapeuta prende in carico la persona, che nella maggior parte dei casi si affida al terapeuta e dipende da esso.

La Psicoterapia della Gestalt funziona al contrario.
Accompagna le persone nel cammino all’interno del proprio mondo, certamente per conoscersi, ma non solo perché solo la conoscenza non serve per cambiare.
Attivarsi per sperimentare il nuovo e al contempo dare voce a tutte le nostre parti affinché trovino un’integrazione tra loro invece che rimanere in un perenne conflitto, è ciò che davvero serve ad ognuno di noi per essere più forti, più indipendenti e quindi più liberi.

Ogni percorso, nella Psicoterapia della Gestalt, è per forza di cose unico e personale. E uno dei prerequisiti fondamentali è che la persona, da subito, si prenda in carico, cioè accetti di essere l’unico vero responsabile della propria vita.

La Psicoterapia della Gestalt è per coloro che vogliono davvero essere liberi.
Finché si è dipendenti da un’altra persona, non si è veramente adulti, anche quando l’altra persona è un terapeuta.

Prendersi in carico significa diventare adulti liberi.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

Per leggere gli articoli che scrivo, visita il mio blog.

Fonte immagini: pixabay – immagini libere da copyright