cambiare

Cambiare sé per cambiare gli altri

Il segreto per cambiare gli altri è….
Cambiare se stessi.

Aspettarsi di poter cambiare gli altri significa credere di essere onnipotenti.

Aspettare che gli altri cambino significa sentirsi impotenti.

Cambiare quello che in noi non ci piace o non funziona, definire confini chiari e spostarsi se non ci sono alternative, significa riconoscere il proprio potere personale e diventare protagonisti attivi della propria vita.

Questo è uno dei principali scogli anche della psicoterapia. All’inizio le persone sono tutte protese verso l’esterno, verso gli altri. Quello che non fanno, quello che fanno, quello che non dicono, quello che dicono…. e vengono aspettandosi di poterli cambiare.

Il primo lavoro quindi è aiutare a comprendere che gli altri non li possiamo cambiare e a ridirigere la freccia verso di sé.

Quando la persona ha compreso che solo su di sé ha potere, si può passare agli step successivi. Tra questi, c’è anche la necessità di lavorare sulla parte inversa, ovvero che solo noi abbiamo potere su di noi. Gli altri ci fanno credere di avere potere su di noi, oppure siamo noi che glielo lasciamo, ma in realtà non è così.

In questo modo, possiamo cambiare anche questa convinzione, che ci porta a strane assunzioni di colpe e fughe di responsabilità.

Ognuno è responsabile di sé, ovviamente parlando di esseri umani adulti e capaci di intendere e di volere.

Arrivare a questo traguardo non è semplice, poiché serve il coraggio di essere liberi, e non è da tutti.

Quando raggiungiamo questo, abbiamo effettuato un bel cambiamento nella nostra vita.

Allora si, che anche gli altri cambiano.

Come? Perché un cambiamento del genere viene percepito anche dai meno sensibili e produce sempre delle reazioni. All’inizio può portare soprattutto lamentele e obiezioni, critiche e opposizioni… perché una persona libera fa paura e talvolta viene disprezzata perché è scomoda.

Poi però le cose possono cambiare e magari anche gli altri arrivano a beneficiare del nostro cambiamento, essendone contagiati.

Vi va di sperimentare?

Per maggiori informazioni, clicca qui.

Per leggere gli articoli che scrivo, visita il mio blog.

Fonte immagini: pixabay – immagini libere da copyright